Papa Francesco, durante l’Udienza Generale del 22 giugno 2016, continuando il proprio ciclo di catechesi sulla misericordia nel Vangelo, ha commentato il miracolo della guarigione di un lebbroso (Lc 5,12-16)) sottolineando come la Misericordia di Dio è in grado di purificare il cuore dell’uomo:  è questa “l’unica cosa di cui abbiamo davvero bisogno nella nostra vita“, ha spiegato il Santo Padre, ovvero “essere perdonati, liberati dal male e dalle sue conseguenze di morte“, trasformandoci a nostra volta, come successe per il lebbroso, in “testimoni della sua misericordia che purifica il cuore e trasforma la vita“.

La supplica che il lebbroso rivolge a Gesù «Signore, se vuoi, puoi purificarmi!» (Lc5,12) esprime il desiderio profondo dell’uomo di una autentica purificazione che lo unisca a Dio e lo integri nella comunità. – ha spiegato Papa Francesco ai fedeli riuniti in Piazza San Pietro – Questa richiesta, frutto della fede e fiducia in Dio, trova risposta nei gesti e nelle parole di Gesù, che, sentendo la compassione, si avvicina, lo tocca e dice, «Lo voglio, sii purificato!» (1,41).

Gesù non rimane mai indifferente alla preghiera fatta con umiltà e fiducia, Egli respinge ogni pregiudizio umano e si mostra vicino, insegnandoci che anche noi non dobbiamo avere paura di avvicinarci e toccare i poveri e gli esclusi, perché in essi è lo stesso Gesù.

Con le sue azioni Gesù non cerca il sensazionalismo, ma guarisce con l’amore le nostre ferite, plasmando pazientemente il nostro cuore a immagine del Suo. La autorità messianica di Gesù termina con l’inserimento del lebbroso nella comunità dei credenti e nella vita sociale: così si ottiene la guarigione completa, che, inoltre, converte il guarito in un testimone e annunciatore della misericordia di Dio.

Come Gesù ha toccato il lebbroso per guarirlo, osiamo anche noi toccare le persone povere che vogliamo aiutare. – ha dunque concluso Papa Francesco – Questo gesto di carità ci guarisce dall’ipocrisia e ci rimette una moltitudine di peccati. Che Dio vi benedica!

Fonte: Papafrancesco.net

LEAVE A REPLY

6 + dodici =